MacS Collection - Museo Arte Contemporanea Sicilia Fatima Messana
16715
post-template-default,single,single-post,postid-16715,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

24 Lug MacS Collection – Museo Arte Contemporanea Sicilia

MacS Collection

COLLEZIONE MACS. Sezione Italiana

a cura di Adriano Pricoco

 

MacS – Museo Arte Contemporanea Sicilia

via Crociferi – via S. Francesco n. 30, Catania

 

Vernissage inaugurale venerdì 29 luglio 2016 ore 20.00


Giuseppina Napoli: “L’arte è la strada per la ricerca e la conoscenza”

 

Venerdì 29 luglio 2016, alle ore 20.00, al MacS (Museo Arte Contemporanea Sicilia), nella Badia piccola del Monastero di San Benedetto di Via Crociferi a Catania, si terrà il vernissage inaugurale della Collezione MacS. Sezione Italiana. Per l’occasione interverranno: la Direttrice del MacS, Giuseppina Napoli, il prof. Adriano Pricoco (Accademia di Belle Arti di Catania) e molti degli artisti della Collezione Italiana.

 

Protagoniste le opere di eccellenti artisti i quali si distinguono per originalità, raffinatezza, contemporaneità, incisività e raccoglimento: Elisa Anfuso, Daniela Astone, Annalù Boeretto, Giuseppe Bombaci, Roberta Busato, Valentina Ceci, Marco Condrò, Roberta Coni, Cristina Costanzo, Emanuele Dascanio, Alessio Deli, Sergio Fiorentino, Emanuele Giuffrida, Alfio Giurato, Paolo Guarrera, Giovanni Iudice, Massimo Lagrotteria, Ilaria Margutti, Ottavio Marino, Jara Marzulli, Monia Merlo, Fatima Messana, Sebastiano Messina, Fabio Modica, Carmelo Nicosia, Miriam Pace, Sergio Padovani, Silvio Porzionato, Davide Puma, Gesualdo Prestipino, Alessandro Reggioli, Piero Roccasalvo Rub, Ugo Riva, Ignazio Schifano, Vincenzo Todaro, Luciano Vadalà, Giuseppe Veneziano, Ramona Zordini.

 

Giuseppina Napoli (Direttore MacS) – Se potessi cambiare il mondo riempirei di bellezza le case, le strade, le scuole, gli ospedali, le caserme, le carceri, i treni, i taxi, mischiando la bellezza della natura a quella dell’ingegno umano. L’arte è ancora e sempre l’espressione primordiale del bisogno di essere, di creare bellezza, concetto, poesia, seduzione, percorrendo viaggi visionari per sentieri, pietraie, spiagge, boschi alla ricerca di quell’oltre e quell’altrove a cui tutti aspiriamo. Il MacS si espande, si moltiplica, si spinge ancora di più verso la luce e si veste di magnificenza e di splendore, presentando una collezione permanente di artisti Italiani: giovani, straordinari, commoventi, il meglio dell’arte figurativa italiana. Perché l’arte autentica, quella fatta dei mille giorni in piedi, al freddo o al caldo, a mischiare colori, a spiare la luce a modellare argilla, a scolpire la pietra per raccontare ad altri uomini l’umanità che siamo, esiste ed è la strada più bella per la ricerca e la conoscenza”.

 

Adriano Pricoco (Accademia di Belle Arti di Catania) – “La collezione del MacS presenta una costante: è perennemente in crescita, raccoglie uno spaccato delle esperienze artistiche contemporanee accrescendo non solo il patrimonio culturale del museo ma per proprietà transitiva anche quello della città. L’offerta culturale del MacS si propone come un’opportunità di riflessione sul valore che l’Arte assume in un momento storico come quello che attraversiamo, connotato da indebolimenti e derive oltranziste di per sé ossimore alla natura espressiva dell’arte che da sempre induce e produce emancipazione”.

 

COLLEZIONE MACS. Sezione Italiana

 

Elisa Anfuso, Attenta al lupo, 2013, olio e pastello su tela, cm 120×80

Daniela Astone, The Artist, 2014, olio su tela, cm 180×160

Annalù Boeretto, Salto nel blu, 2015, resina ed inchiostri, cm 60x28x28

Il grande Iris, 2016, resina ed inchiostri, cm 100x80x180

Giuseppe Bombaci, Doppia apparizione (Notturno con lucciole), 2011, olio su canapa veneta, cm 155×155

Roberta Busato, Aria, 2016, terra cruda, pagliacm 23x25x43

Valentina Ceci, Ophelia, 2015, penna biro su cartoncino, cm 100×70

Marco Condrò, Citrus reticulata, 2013, olio su tela, cm 40×40

Roberta Coni, Giorgia, 2016, olio su tela, cm 200×140

Cristina Costanzo, L’inganno del tempo, 2015, terracotta, cm 80x50x42

Emanuele Dascanio, Agata, 2015, carboncino e grafite su cartone Schoeller, cm 50×34

Alessio Deli, Summer Awakening, 2010, cera, lamiera, ferro, terracotta, legno, poliuretano, cm 165x60x80

Sergio Fiorentino, Acqua, 2015, olio su tela, cm 120×100

Emanuele Giuffrida, Coffins, 2015, olio su tela, cm 80×80

Alfio Giurato, I burattini, 2010, olio su tela, cm 180×250

Paolo Guarrera, Venere, 2005, bronzo, 64,5x27x16

Giovanni Iudice, La collina dei padri, 2014, olio su tela, cm 80×60

Massimo Lagrotteria, Testa, 2014, olio su tela, cm 200×190

Ilaria Margutti, Seme Rosa, 2016, ricamo su tela, rami di vite, seta, nylon, scatola di legno, cm 74x48x10

Ottavio Marino, Limbo, 2014, fotografia digitale dal progetto fotografico “In lumine Dei/Romeo & Jiuliet”, cm 150×100

Jara Marzulli, La quiete di Diana, 2012, olio e acrilico su tela, cm 100×120

Monia Merlo, The poetry of silence, 2014, fotografia digitale, cm 150×100

Fatima Messana, Sine Pietate, 2015, vetroresina e tecniche miste, cm 150x125x125

Sebastiano Messina, Bambino con vela, 2010, inchiostro su cartoncino, cm 51x17x14

Fabio Modica, Faciem VIII, 2016, tecnica mista su tela, cm 150×130

Carmelo Nicosia, Una grossa nuvola oscurò il cielo, 2004/2015, stampa lambda montata su dibond, cm 102,4×71,3

Miriam Pace, Untitled 1, 2013, acrilici e vernici su tela, cm 200×150

Sergio Padovani, Foce matrigna al rogo, 2012, olio e bitume su tela, cm 40×50

Silvio Porzionato, Untitled, 2016, olio su tela, cm 200×138

                             Carnivora, olio su tela, cm 170×150

Davide Puma, Sangue Dentro, 2014, olio su tela, cm 175×150

My Queen, 2016, olio su tela, cm 160×120

Gesualdo Prestipino, Sfere, 2011, bronzo, cm 42 – 40- 45

Alessandro Reggioli, Safety Heart Armour, 2013, fusione a cera persa in bronzo argentato, cm 15x15x9

Piero Roccasalvo Rub, Untitled, 2012, olio su carta, cm 70×51

Ugo Riva, Madonna dell’Ascolto, 2007, terracotta e ferro, cm 80×55

Ignazio Schifano, I giochi dei cardinali, 2014, olio su tela, cm 50×65

Vincenzo Todaro, Un(memory) #102, Portrait of unknown woman, 2011, olio su tela, cm 40×30

Luciano Vadalà, Scivola via, 2013, tecnica mista su tavola, cm 80×60

Giuseppe Veneziano, Pino Veneziano, 2009, acrilico su tela, cm 80×70

Ramona Zordini, Changing Time 3 D, fotografia su tela con inserti 3D, cm 80×160

                                Study in the water, 2015, fotografia digitale, cm 150×100

 

Inaugurazione: 29 Luglio 2016 (ore 20.00)

 

INFO

Telefono: 095 6172035 – 342 301 7376

Orario invernale (in vigore dal 1° Ottobre)

h 9.00 – 17.00

Orario estivo (in vigore dal 1° Aprile)

h 10.00 – 19.00

CHIUSO IL MERCOLEDI’

Ingresso: €5,00 – €3,50 (biglietto ridotto)

 

Web: www.museomacs.it

Mail: info@museomacs.it

Ufficio Stampa: ufficiostampa@museomacs.it

Addetto stampa: Grazia Calanna

 

Monastero San Benedetto

Catania – via Crociferi

www.museomacs.it